Cookies: Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento, di profilazione prima parte e cookies di terze parti.
Cliccando su ACCETTA I COOKIES, utilizzando questo sito, scorrendo questa pagina, o registrandoti, presti il consenso all'uso dei cookies.
Per saperne di più clicca qui.

ACCETTA I COOKIES

6 cose da sapere prima di andare in banca

Un articolo di Valerio Malvezzi

LA BANCA NON MI CAPISCE

Da statistiche internazionali gia’ pubblicate su quotidiani italiani, in Italia nel 2015 l’80% del credito e’ andato alla grande impresa, che costituisce l’1% del mercato italiano. Per converso, solo il 20% e’ andato alla micro, piccola e media, che costituiscono il 99% del totale delle imprese in Italia.

Eppure, le grandi imprese danno da lavorare al 20% della forza lavoro privata, mentre le micro, piccole e medie imprese, danno occupazione al restante 80% della forza lavoro.

Non ti sembra ci sia qualcosa che non va?

Ci sono molte spiegazioni del fenomeno, alcune patologiche.

Ma ve n’e’ una, a detta degli stessi piccoli imprenditori. Mentre i diversamente intelligenti ragliano che le banche “non vogliono dar piu’ credito”, gli esperti sanno bene che, con le nuove regole, le banche non possono dar loro credito, se non a certe condizioni.

Tali condizioni sono fissate, tra le altre cose, dai risultati del passato.

Quel passato e’ scritto sul documento aziendale per eccellenza: il bilancio.

Molti piccoli imprenditori, delusi dal rapporto negoziale, affermano: “la banca non mi capisce”.

Che vi sia un problema di comunicazione e’ certo.

Ma sei certo di saper parlare la lingua della banca?

Oh, lo so che ora il diversamente intelligente si incazza come una bestia, blatera di usare il mitra e di farsi raccomandare dal politico di turno. E a me non importa nulla, perche’ io non scrivo per lui, ma per gli imprenditori e i professionisti disposti a mettersi in gioco, a imparare qualcosa di nuovo.

Se vuoi farti capire dalla banca, nel tuo interesse, devi conoscere le cose che, ai bancari, si insegna nei corsi di formazione quando si spiega come leggere il tuo bilancio.

Dato che io l’ho fatto, cioe’ ho insegnato la certificazione delle competenze creditizie in banca, ora divulgo ai tanti piccoli imprenditori e professionisti le stesse conoscenze, in modo che conoscano lo stesso linguaggio.

 

IL BILANCIO PER IMMAGINI

Il bilancio e’ senza dubbio materia per addetti ai lavori. Moltissimi imprenditori medio e piccoli, per non dire micro, ritengono quella materia una cosa noiosa, che lasciano volentieri al commercialista.

Che palle! – pensano.

E cosi’, vanno in banca col famigerato metodo BCB (Brochure, Camerale, Bilancio), come se fosse un pacco preconfezionato. Coi risultati disastrosi che sono stati sopra dimostrati dalla statistica.

Ora, ho pensato, per render semplice e divulgativa la questione, di indicarti in modo visivo i concetti fondamentali, che verranno riportati nel materiale gratuito, cioe’ nel modello excel allegato e nella guida negoziale che lo commenta, passo per passo.

Pensa al fatto che la banca cerca, del tuo bilancio, 6 cose.

Indaga per comprenderle, a un primo esame.

E tu, se vuoi vincere la partita commerciale, e prima ancora governare la tua impresa e quella dei tuoi clienti, devi indagarle con il tuo portatile in mano, con il suo stesso metodo di organizzazione logica delle informazioni.

Solo che, per comprendere le cose fondamentali, che troverai nei calcoli del modello excel e nella guida negoziale gratuita allegata, comincia a visualizzarle, per memorizzare facilmente quali sono.

 

PRIMA IMMAGINE: LE MURA DELLA FORTEZZA

Per prima cosa, la banca cerca di capire se l’azienda che sta per finanziare e’ solida. Una azienda e’ solida quando non e’ facilmente attaccabile dall’esterno.

L’esterno sono ovviamente concorrenti, ma anche fornitori e il mercato in generale, nel quale non dimenticare il socio occulto molto esigente, cioe’ lo Stato, con la sua tassazione esosa in Italia.

Vado a prendermi in pancia un’azienda – pensa il direttore di banca – cioe’ la iscrivo nel mio attivo, alla voce crediti.

Ma quel credito sara’ solido?

Nella guida gratuita trovi come la banca scopre questa cosa.

 

SECONDA IMMAGINE: L’ACQUA CHE CIRCOLA

Come seconda cosa, considera che la banca fornisce liquido, cioe’ denaro.

Ma quel denaro circola in azienda, serve a far fronte alle spese immediate e a sua volta si trasforma in successivo denaro, in un liquido detto flusso di cassa.

Quindi, alla banca interessa capire quanto liquido si trova in impresa, perche’ la banca fornisce acqua a chi ha gia’ acqua di suo a sufficienza.

Chi e’ disperatamente assetato viene lasciato morire di sete.

Davvero puo’ non interessarti capire cosa legge del tuo bilancio la banca per vedere quanta acqua possiedi di tuo?

Nella guida trovi questi parametri, organizzati come la banca li osserva e come li calcola.

 

TERZA IMMAGINE: LA LEVA DEL DEBITO

Come terza cosa, considera che la banca con piu’ piacere fornisce debito a chi non ne ha.

Un altro paradosso (come vedi il terzo) e’ che la banca finanzia sempre con piu’ favore chi ha meno debito. Quindi, dato che tu sei probabilmente gia’ indebitato, la banca fa alcuni calcoli, per capire come quel debito ti e’ servito per far leva sui soldi degli altri, ai tuoi fini.

Nella guida in allegato ti insegno, in termini semplici, come calcolare questi rapporti con quattro calcoli fondamentali.

 

QUARTA IMMAGINE: LE API OPEROSE

Nell’arnia, si sa, le api producono miele.

Un’azienda e’, vista all’esterno, come un alveare, in cui ciascuno ha un ruolo.
Un’azienda non e’ affatto qualcosa di democratico, ma sempre qualcosa di organizzato in modo gerarchico, con chi comanda e chi esegue.

La quotidiana attivita’ di impartire ordini ed elaborarli svolgendo delle attivita’ genera la produttivita’.

Nella guida gratuita, scopri come fa la banca a fare quattro calcoli per stimare la tua produttivita’ e l’operativita’ tua e del tuo personale.

 

QUINTA IMMAGINE: LA CATENA DELLA BICICLETTA

Un’azienda e’ qualcosa sempre in movimento.

Quando gira – e se non gira e’ morta – a vederla da fuori effettua una continua trasformazione di fattori produttivi che entrano, sono trasformati in qualcosa di diverso, ed escono a costituire prodotti o servizi che vengono venduti.

Questo ciclo di trasformazione e’ perpetuo e a vita indefinita, come quella dell’azienda.

Nella guida gratuita, trovi non solo i calcoli che effettua la banca, ma anche la spiegazione di come determinarli, al fine di controllare il tuo fabbisogno finanziario e capire come gira il tuo ciclo, quanto veloce e’ la tua pedalata.

 

SESTA IMMAGINE: IL CAMPO DI GRANO

Alla fine, un’azienda e’ un campo di grano.

Viene continuamente coltivato, si semina e si raccoglie. Il fine di un imprenditore e’ raccogliere grano, quanto piu’ grano possibile.

Il fine della banca e’ finanziare, a pagamento, la semina.

Quindi, la banca e’ interessata a capire quanto fertile sia il terreno.

Nella guida gratuita in allegato, trovi alcuni calcoli su un bilancio di esempio, unitamente alla spiegazione di come si interpretano, nella logica bancaria.

 

CONCLUSIONI

Spieghero’ questo, e molto altro, nel mio tour di WIN THE BANK con Panorama d’Italia, in collaborazione con il prestigioso giornale Panorama, a partire dalla prossima data, a Perugia:clicca qui per vedere di piu’.

Se abiti da quelle parti, ti aspetto alla mia conferenza sul credito.

Per tutti gli altri, metto a disposizione la mia conoscenza su questo blog, oltre che on line sulle pagine di Panorama, nella pagina di economia, alla mia rubrica “Convinci la banca“.

La guida gratuita in allegato, che spiega il modello Excel, si compone di decine di pagine.

In termini molto semplici si spiega a tutti quali sono i calcoli fondamentali da fare sul bilancio, e come si fanno. Il modello, in automatico, restituisce i risultati, semplicemente imputando i dati della tua azienda o di quella dei tuoi clienti.

Sappi che, ogni giorno, migliaia di imprese sono finanziate dalle banche.

Molte di piu’, tuttavia, non lo sono.

I miei Corsi sono sempre piu’ seguiti perche’ gli imprenditori e i liberi professionisti che sono venuti hanno risolto i loro problemi, come trovi alle testimonianze del sito, alla pagina in cui puoi trovare informazioni sulla sessione estiva, a giugno 2016, a Bologna.

Intanto, per cominciare:

  1. Iscriviti nel nostro gruppo Facebook, in cui troverai molti altri imprenditori e liberi professionisti come te
  2. Scarica gratuitamente il modello Excel e la guida negoziale allegata che lo spiega, e corri a inserire i dati della tua impresa o di quella del tuo cliente

La verita’ e’ che prima ancora di farsi capire dalla banca e di farsi spiegare da lei cosa eventualmente non va, bisogna capire da soli come vanno le cose nella propria azienda o in quella dei propri clienti, sapendo quali sono quelle veramente indispensabili, nella complessa trattativa tra banca e impresa.

Buona lettura, e buona comprensione per immagini.

Scarica gratis la Guida Professionale

COME CALCOLARE GLI INDICI CHE SERVONO
(le 6 aree che legge la banca)

 

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!

Ti è piaciuto? Leggi anche ...

Perche’ stanno, in gran segreto, rovinando l’economia (e non vogliono che la piccola impresa italiana lo sappia)

Avrai visto che Obama chiede alla Merkel di accelerare i trattati e all’Inghilterra di scongiurare la “Brexit”. Avrai letto, sui ...