Cookies: Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento, di profilazione prima parte e cookies di terze parti.
Cliccando su ACCETTA I COOKIES, utilizzando questo sito, scorrendo questa pagina, o registrandoti, presti il consenso all'uso dei cookies.
Per saperne di più clicca qui.

ACCETTA I COOKIES

Come il corso Win The Bank puo’ cambiare la tua vita professionale

Un articolo di Team WIN the BANK

Come stai passando questi giorni di aprile?

Scommetto che stai correndo come un pazzo in giro per le aziende tue clienti, per la fretta di chiudere i bilanci in tempo.

Ma non appena finito – nemmeno il tempo di riprendere fiato – ecco che comincia la stagione delle dichiarazioni dei redditi.

Una lunga corsa fino al 30 settembre, data dell’invio e arriva il momento di incontrare i tuoi clienti per far firmare le dichiarazioni (e magari, gia’ che ci sei, ricordargli che devono ancora saldare le fatture arretrate).

Quando hai iniziato la professione, non sapevi ancora che ti saresti ritrovato a fare il burocrate fiscale, vero?

Gli adempimenti erano molti di meno. Certo, ti facevi il mazzo nei 3 mesi delle dichiarazioni dei redditi, ma nel resto dell’anno c’era tempo per te, per la tua famiglia e per intrattenere relazioni.

Oggi non fai in tempo a correre dietro ad una scadenza che ne arriva un’altra. E un’altra ancora. E un’altra ancora…

Tutto l’anno a inseguire le novita’ che si inventano a Roma per darti ULTERIORE lavoro!

E – spesso – questo lavoro non riesci nemmeno a fartelo pagare, vero?

Perche’ se la Mario Rossi s.n.c. e’ li’-li’ per chiudere, se e’ gia’ indietro di mesi (quando non sono anni) coi pagamenti, come fai a chiedergli soldi in piu’ per il fatto che gli fai lo Spesometro?

O le dichiarazioni ai parenti?

Scommetto che a stento sei riuscito a farti pagare quattro spicci per il rimborso Irap, 3 anni fa!

Ma anche quei pochi che pagano non puoi rischiare di scontentarli aumentando i prezzi. La’ fuori e’ pieno di colleghi pronti a svendersi per un tozzo di pane!

E le aziende sane (e buone pagatrici) son sempre di meno!

Ti va gia’ bene se riesci a non fare lo sconto alla Rossi s.n.c. Sicuramente un aumento delle tue parcelle e’ fuori discussione.

Visto che i tuoi incassi sono meno della meta’ di quelli ante-crisi e visto che i clienti che hai ti fanno tribolare (per non parlare del tempo che ti fanno perdere per consegnarti in tempo i documenti!!! – Quante telefonate son costrette a fare, le tue collaboratrici?) hai capito che la soluzione e’ trovare clienti nuovi.

Bene. Ad oggi, quanti successi hai ottenuto su questi aspetti?

Rispondi SINCERAMENTE.

Sai di non essere un venditore. Sai che di marketing conosci poco (e pensi che non si addica ad un professionista).
Anche se non padroneggi i concetti del Brand Positioning (una particolare tecnica di marketing), in maniera “artigianale” hai capito che il tuo “prodotto” e’ difficile da “piazzare” per un motivo: e’ uguale a quello di tutti gli altri commercialisti.

Ok, puoi essere piu’ o meno bravo a gestire gli avvisi di accertamento.
Ok, puoi essere piu’ o meno esperto sul fallimento e sulle altre procedure concorsuali.
Puoi essere Sindaco di piu’ o meno societa’.

Ma, fondamentalmente, non hai modo di differenziarti DAVVERO dagli altri commercialisti della tua citta’.

Ok, puoi essere piu’ preciso e organizzato nel gestire le varie scadenze.
Ok, puoi far si’ che le signorine del tuo Studio siano piu’ o meno gentili, carine e disponibili.
Ok, puoi essere piu’ tollerante dei tuoi colleghi tutte le volte che i clienti pagano in ritardo.

Ma quello che fai (contabilita’, dichiarazioni dei redditi e bilanci) e’ uguale a quello che fanno tutti gli altri commercialisti!

Per non parlare del fatto che almeno un terzo delle tue aziende clienti hanno chiuso per via della crisi e che almeno un altro terzo di quelle rimaste hanno iniziato a pagare poco/a rate/male/non pagare proprio!

E allora inizi a risparmiare sulla fornitura del materiale di ufficio.
Magari non sostituisci l’impiegata anziana che va in pensione.
Magari ti associ con un collega per dividere le spese.

Se prima compravi una marea di libri ed eri abbonato a diverse riviste, ora tieni giusto il Memento e/o il Frizzera, che sono l’indispensabile.
Se prima avevi 2-3 banche dati, ora ne tieni giusto una, o ti affidi direttamente a Google.

Inizi a guardarti intorno per cambiare software, o rinunci a dei moduli aggiuntivi per risparmiare un po’.
Ogni modo e’ lecito per limare le spese vari ed eventuali.

Ma c’e’ un problema: cosi’ NON migliori davvero il tuo reddito e, anzi, tutto cio’ ti porta solo a lavorare ancora di piu’!
E anche meno bene.

Questo e’ cio’ che – ogni giorno – molti tuoi colleghi mi raccontano. Questo e’ quello che tanti mi scrivono. Questo e’ quello che senti ai vari convegni, quando vi trovate all’Ordine.

Come si salta fuori da questa ruota del criceto?
Come puoi uscire da questo incubo, senza rivoluzionare completamente la tua vita?

Chissa’ quante volte hai sognato di aprirti un Chiringuito in una spiaggia tropicale, di’ la verita’. Niente tasse, niente clienti che non pagano (non gli dai da bere finche’ non ti danno i soldi!). Niente collaboratori che si lamentano, niente Fisco Italiano che ogni giorno ti costringe ad un’estenuante lotta. Solo sole, mare e divertimento.

Se vuoi lasciare l’Italia e aprirti un chiosco in spiaggia, sempre in costume da bagno ed infradito, non posso biasimarti. Ti auguro buona fortuna e sappi che quest’estate verro’ in vacanza da te.

Ma se vuoi sapere come cambiare la tua professione e la tua vita, basta che continui a leggere…

 

Un caso reale di successo

Andrea, un tuo collega emiliano, sposato e con 2 splendide bambine ancora piccole, non se la sente di lasciare tutto e scappare via.
Pero’ ha trovato lo stesso una soluzione definitiva.

A marzo 2016 ha partecipato al corso WIN the BANK, perche’ ha capito che per poter essere percepito in maniera DIVERSA dai suoi clienti, per far si’ che nuove aziende sane vengano nel suo Studio, per farsi pagare regolarmente, deve mettersi a fare qualcosa di DIVERSO e percepito come di VALORE.

Qual e’ il problema piu’ grande che hanno gli imprenditori?

Te lo dico io, che ogni giorno ne vedo/sento/leggo/ci parlo a decine: hanno bisogno di soldi.
Se non l’hai mai fatto, chiedilo in maniera diretta ai tuoi clienti: vedrai che 9 su 10 si lamenteranno della mancanza di denaro.

E qual’e’ l’UNICO corso in Italia che insegna agli imprenditori (o a quei pochi commercialisti furbi che han capito il giochino lo possono rivendere e si iscrivono allo stesso corso) come avere i soldi?

Esatto: WIN the BANK.

Quindi Andrea e’ venuto, e nell’ultimo mese ha iniziato a porsi in maniera diversa: non piu’ commercialista, bensi’ “finanzialista”, esperto di negoziazione bancaria.
Poi ha preparato 3 suoi clienti alla negoziazione con la banca, e tutti e 3 hanno ottenuto il credito di cui avevano bisogno.
Prima di frequentare il corso, durante l’anno, aveva circa una dozzina di richieste del tipo:

  • Devo rinnovare i fidi, ma ho paura che non me li concedano: mi dai dei consigli?

Oppure:

  • Devo comprare un nuovo macchinario e ho bisogno di un finanziamento: mi fai il business plan?“.

Richieste tutte simili, tutti casi ampiamente trattati e discussi nel corso WIN the BANK, dove si insegna anche come si deve comportare il cliente in questi casi.

Senza le conoscenze del corso, Andrea riusciva a soddisfare i suoi clienti meno di 1 volta su 3.
Oggi – in meno di un mese – e senza aver finito di studiare le OTTOCENTO pagine del manuale (che viene consegnato a tutti i corsisti) 3 su 3.

Questa cosa ha ottenuto 2 effetti positivi:

  1. Ha gia’ preso un nuovo cliente (cognato del secondo che ha ottenuto successo) e un altro probabilmente arrivera’ a breve (il terzo che ha appena avuto la delibera bancaria era al settimo cielo e ha caldamente consigliato Andrea ad un suo compagno d’universita’: i 2 si incontreranno settimana prossima).
    Hai idea di quanto efficace possa essere il passaparola, quando i tuoi clienti sono MOLTO soddisfatti di te?
    I clienti che ottengono i soldi dalle banche grazie a te, sono clienti FELICI, finanziariamente sereni e cosi’ entusiasti di te da segnalarti SPONTANEAMENTE a tutti quelli che conoscono.
  2. Due delle 3 aziende che Andrea ha aiutato, erano indietro coi suoi pagamenti. Dopo che hanno avuto i soldi dalle banche grazie al loro commercialista, hanno saldato tutto l’arretrato e versato gia’ un acconto per l’anno in corso! (Quante volte i TUOI clienti ti hanno pagato in anticipo?).

Oltre tutto, avere clienti nuovi significa anche avere aziende cui fare le dichiarazioni dei redditi ed altri servizi (cosa piacevole, diciamocelo) .
Significa anche non avere piu’ problemi ad essere pagato (cosa altrettanto piacevole e difficile, come ricordavo prima).
La cosa che gli e’ DAVVERO piaciuta pero’ e’ stata l’essere percepito da queste persone come un esperto, un’autorita’ in materia.
Il risolutore dei loro problemi e non l’esattore delle tasse per conto terzi!

Era da prima della diffusione di Google che non succedeva: una volta gli imprenditori si fidavano ciecamente di lui e seguivano alla lettera tutti i suoi consigli in maniera fiscale.
Negli ultimi anni invece erano sempre a contestare, a controllare, a stampare pagine web, ad arrivare in Studio con l’idea strampalata suggerita dal cugino di turno!
Per questo motivo si e’ rivolto al nostro Fabio Loglisci, chiedendogli se WIN the BANK aveva qualche imprenditore della sua provincia che voleva essere preparato da lui, prima del colloquio con la banca.
E magari essere seguito da qualcuno che – finalmente – puo’ dargli i consigli giusti non solo per risparmiare sulle tasse, ma anche per ottenere il fido che gli serve per mandare avanti l’azienda, o l’anticipo fatture necessario a realizzare la commessa appena “portata a casa”.

E Fabio lo ha stupito rispondendogli cosi’:

“Andrea, ti faccio i miei complimenti: hai centrato in pieno il nodo che tantissimi tuoi colleghi non hanno ancora capito!
Con le aziende che chiudono e i nuovi aspiranti commercialisti che a migliaia ogni anno vengono sfornati dalle universita’, il tuo mondo e’ in profonda crisi.
Chi non frequenta il nostro corso sara’ sempre piu’ costretto a fare la guerra dei prezzi, a scannarsi per trovare nuove aziende e a cercare di accontentare quelle che ha facendo gratis sempre piu’ adempimenti (che il nostro amato governo ogni giorno ci da’ da fare).
Contemporaneamente, invece, le banche hanno sempre piu’ bisogno di aziende che – grazie ai nostri consigli – arrivano “gia’ pronte” per essere finanziate. Perche’, come hai imparato al corso, se non hai certe caratteristiche, la banca non ti finanzia.”
(E, piccola parentesi: sara’ sempre peggio, come hai potuto leggere sugli articoli del blog)
“Ma Valerio e’ da solo e non puo’ gestire tutte le richieste di consulenza che ogni giorno gli arrivano da imprenditori di tutta Italia!
Gia’ faccio fatica io a star dietro a tutti e devo solo fare il primo contatto telefonico e la prima intervista!
Non e’ umanamente possibile seguirli tutti!
Per cui abbiamo deciso di dare la possibilita’, a pochi commercialisti che hanno, come te, frequentato le edizioni precedenti del corso, di diventare nostri partner sul territorio:
prima ci accertiamo che abbiate ben compreso tutti i contenuti (sai quanto perfezionista e’ Valerio!) e poi vi gireremo tutte le centinaia e centinaia di aziende che ogni mese chiedono i servigi di Valerio, a seconda della zona in cui operate”.

Andrea non ha creduto alle proprie orecchie e ha proprio chiesto a Fabio:
“Davvero mi passate i clienti?”
“Si’, ma c’e’ di piu’! Sappi che a settembre partira’ un corso avanzato, riservato solo a voi
(commercialisti che hanno frequentato le vecchie edizioni di WIN the BANK) e ad un piccolo numero di tuoi colleghi che parteciperanno alla prossima edizione (quella del 9-10-11 giugno).
Questo corso avanzato (che non sara’ condensato in un’unica sessione, ma spalmato nel corso dei prossimi mesi, in modo da renderlo un vero e proprio “percorso”) ti permettera’ di:

a) Rimanere sempre aggiornato sulle ultime modalita’ di accesso al credito.
Se:

  • cambia una regola
  • la “banca x” decide di chiudere i rubinetti, o la “banca y” di aprirli
  • cambiano gli strumenti operativi con cui le aziende vengono valutate dalle banche

tu lo saprai e saprai sempre in quale banca ci sono le possibilita’ migliori di ottenere cio’ che quella azienda chiede.

b) Saper fare i progetti di alto profilo in cui Valerio e’ bravissimo. Sempre, ovviamente, fatti “con gli occhi della banca”, cioe’ con la visione del numero che le banche vogliono vedere.
Per esempio:

  • valutazioni FINANZIARIE (non le altre 3 che voi commercialisti sapete perfettamente fare) d’azienda;
  • valutazioni finanziarie di un investimento;
  • piani industriali con e senza project management;
  • analisi FINANZIARIE (non quelle classiche che fate voi) di bilancio;
  • molto altro ancora, ma non mi voglio dilungare.

c) Poter utilizzare, per sempre, gli stessi strumenti e gli stessi software che usa da anni Valerio per i suoi progetti, e di cui ha parlato nel suo mini-libro “Ma tu chi cazzo sei?”.
Per esempio,

  • i suoi fogli di Excel con tutte le formule impostate, le macro attivate, i grafici che si formano da soli man mano che compili i dati;
  • questi sono a loro volta tutti collegati con dei fogli di Word per le parti scritte;
  • e con Power Point per fare le presentazioni.

Andrea, quanto tempo ci metti per impostarne uno? E li sai fare bene cosi’?
Beh, questi e molti altri strumenti, ti saranno forniti e ti verra’ insegnato ad usarli.

d) Tutte queste cose le potrai usare gratuitamente per i tuoi gia’ clienti.
E per procurartene di nuovi, grazie al passaparola che questo tipo di attivita’ sviluppa da solo, come hai potuto gia’ vedere.

e) Ma soprattutto, ti permettera’ di essere “certificati WIN the BANK”, come professionista formato da noi:
da quel momento in poi ti gireremo TUTTI i clienti nel raggio di chilometri. Sarai tu a dirmi quanto lontano vuoi spingerti: sarete talmente pochi, che non c’e’ nessun pericolo di sovrapposizioni!”

Andrea ci ha messo un po’a capire bene l’ENORME portata di tutto il progetto. Solo dopo altre 2 telefonate ha capito quanto e’ importante cio’ che puo’ raggiungere:
ora puo’ cambiare RADICALMENTE il modo con cui ha vissuto la sua professione fino ad oggi, e avere piu’ tempo per se’ e per la sua famiglia.

Anziche’ sprecare serate, nottate, week end e feste comandate in ufficio, per finire in tempo entro la scadenza, Andrea potra’ cedere il suo Studio, smettere di fare il commercialista, e mettersi a fare il “finanzialista”!

Oppure puo’ decidere comunque di tenere lo Studio, ma delegare tutta la parte fiscale ad un altro Dottore
e seguire invece quella finanziaria, molto meno stressante e molto piu’ redditizia.
Io non so cosa scegliera’ Andrea, ma so che abbiamo bisogno di una mano, perche’ da solo non posso piu’ gestire tutte le aziende che mi contattano ogni giorno.
Sono CENTINAIA, sparse in tutto il territorio nazionale, e io ho solo 2 mani
(da poco la squadra si e’ allargata e collaboro con 3 mediatori creditizi di ASSOLUTA bravura, che gia’ riescono a far finanziare molti progetti… ma non e’ questo il punto: sempre troppo pochi siamo, per questa mole enorme di lavoro).
Quindi ho bisogno in fretta di delegare buona parte di queste pratiche a qualcuno che sia vicino all’azienda che ci chiama/contatta su facebook/scrive via mail/ecc.

Se anche tu, come Andrea, vuoi:

  • liberarti dalle catene che la scellerata condotta fiscale del nostro Paese ti ha messo;
  • lavorare meno e incassare meglio e di piu’;
  • fornire ai tuoi clienti un servizio che non ha NESSUNO (perche’ non permettero’ che nella stessa zona ci siano troppi partner: sarete in pochi per Regione);
  • smettere di fare la guerra del prezzo coi colleghi, ma stabilire tu le tue tariffe, con la certezza di essere pagato e ringraziato;
  • avere piu’ tempo per te e per i tuoi cari;
  • sviluppare una marea di competenze nuove, che esulano dalla pura fiscalita’
    (e ti ricordo che, per quanto puoi conoscere la materia di cui ho parlato nel punto b, NON puoi sapere come i bancari intendono quei documenti. L’unico che li insegna, in Italia, sono io);

basta che ti iscrivi alla prossima edizione del corso WIN the BANK di giugno.

Clicca qui:http://www.winthebank.com/Pagine/WTB/Index.asp
e compila i campi richiesti, specificando che sei un commercialista iscritto all’ordine: ci sono delle condizione particolari per te.

Sarai contattato quanto prima da Fabio Loglisci.

P.S. Il percorso insieme partira’ a settembre, quindi e’ NECESSARIO che partecipi all’edizione di giugno se vuoi davvero cambiare la tua vita professionale in meglio.
Ci saranno altre edizioni del corso WIN the BANK, ovviamente, ma non so se e quando faremo un altro percorso avanzato. Anche perche’, lo ricordo ancora una volta, NON cerco centinaia di collaboratori. Ne voglio pochi per regione, ma super-formati da me.

Chi prima arriva meglio alloggia.

E non dire che non ti ho avvertito: hai solo QUESTA occasione per cambiare radicalmente la tua vita professionale.

Clicca qui:http://www.winthebank.com/Pagine/WTB/Index.asp
e compila i campi richiesti, specificando che sei un commercialista iscritto all’ordine: ci sono delle condizione particolari per te.

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!

Ti è piaciuto? Leggi anche ...

Il drammatico problema che affligge i professionisti che si improvvisano esperti di finanza aziendale. Come risolverlo da subito

Il fatto e’ che si parla di denaro e la gente preparata e’ molto attenta. La negoziazione bancaria tra banca e impresa e’ una questione ...